Esplora contenuti correlati

Presentazione

La Legge 15 aprile 2003, n. 86 ha istituito l’assegno straordinario vitalizio, intitolato a Giulio Onesti, da attribuire agli sportivi italiani che nel corso della loro carriera abbiano onorato la Patria, anche conseguendo un titolo di rilevanza internazionale in ambito professionistico o dilettantistico, e che versino in condizione di grave disagio economico.

L’assegno, secondo quanto ha stabilito l’articolo 2 della legge citata, è attribuito da una Commissione e con decreto dell'autorità politica con delega allo sport, previa comunicazione al Parlamento, ad un numero massimo di cinque sportivi, per ciascun anno, individuati da una Commissione.

Torna all'inizio del contenuto